Le spedizioni di Gusteat Spedizione gratuita per
ordini superiori a € 39

Trappeto di Caprafico

Trappeto di Caprafico

Tommaso Masciantonio Trappeto di Caprafico Chieti Abruzzo Trappeto di Caprafico Chieti Abruzzo
Trappeto di Caprafico
Logo Trappeto di Caprafico

Alle pendici della Majella

Un guardiano selvaggio e silente che veglia sulle valli e sugli olivi di Caprafico (CH).
Potremmo definire così la montagna della Majella, che domina l’azienda dei Masciantonio e che permette la realizzazione di oli di chiara identità territoriale, figli del concetto francese di “terroir”.
Un ambiente pedoclimatico unico dove ciottolosi terreni calcarei, dalla particolare capacità drenante, limitano gli eccessi idrici assicurando costanza produttiva e favorendo un’olivicoltura di qualità.
In queste zone elementi come i 500 mt. di altitudine si combinano ad un clima mediterraneo dalle spiccate influenze montane che limita lo sviluppo di pericolosi parassiti, grazie ad abbondanti precipitazioni nevose invernali e ad estati secche e ventilate. .

Non è un caso quindi che l’azienda, dal lontano 1874, coltivi olivo in maniera sostenibile e pratichi agricoltura biologica certificata dal 2004.
Una lunga storia di famiglia che, perpetuata per generazioni, portò nel 1948 all’acquisto del primo torchio per lavorare autonomamente le olive e nel 1966 al consolidamento del patrimonio olivicolo.

Oggi la realtà agricola dei Masciantonio è affidata a Tommaso che, insieme ai suoi genitori, alla sorella Sabrina e agli zii, gestisce con passione i quaranta ettari aziendali forte della sua esperienza di Agronomo.

Tre "cultivar" autoctone

L’azienda, composta da superfici boschive e prati spontanei, valorizza viti e colture erbacee, ma i veri protagonisti sono ancora oggi gli olivi.
Quindici ettari di terreno accolgono 5000 piante di cui la metà è costituita da alberi secolari (i più giovani hanno circa sessant’anni).

Gentile di Chieti”, “Intosso” e “Crognalegno” sono le principali cultivar autoctone che danno vita a diverse tipologie di olio, tutte caratterizzate da uno storico legame con questi luoghi. La capacità di preservare l’essenza della propria terra stimola da sempre i Masciantonio che, grazie alla conduzione strettamente familiare, riescono a controllare accuratamente la filiera produttiva garantendo in prima persona l’estrema qualità delle proprie produzioni.

Caratteristiche
Tre principali "cultivar": Sono tre le principali "cultivar" di olive che danno vita a tre tipologie di olio di Trappeto di Caprafico:
- "Gentile di Chieti";
- "Intosso";
- "Crognalegno".

Tramandata di padre in figlio: la nascita di Trappeto di Caprafico risale al 1874 e, da allora, ha visto il passaggio di generazione in generazione, per mantenere quel "saper fare" che appartiene da sempre alla famiglia Masciantonio.

Un "terroir" ben identificato: il territorio della Majella, unito alle consolidate pratiche di coltivazione e al clima, conferisce alle olive prima, e agli oli dopo, una chiara identità gustativa in grado di identificare inequivocabilmente questa rara zona di produzione abruzzese.

Premi

2016 - Premio "Sol di Bronzo" al Sol d'Oro - Nella categoria "Fruttato Medio"

2015 - Premio "Sol di Bronzo" al Sol d'Oro - Miglior Olio Extravergine d' Oliva Biologico per l'Olio Extravergine D'oliva DOP Biologico

2015 - Gran Menzione al Sol d'Oro - Miglior Olio Extravergine d' Oliva Fruttato Intenso per l'Olio - Trappeto di Caprafico

2015 - Miglior Azienda Gambero Rosso

2015 - Tre Foglie Gambero Rosso per l'Olio Extravergine D'oliva DOP Biologico

2015 - Chiocciola 2015 Slow Food Pubblicazione dell'azienda nella "Guida agli Extravergini 2015"

2015 - Corona Maestrod'olio 2015 per gli oli "Olio Extravergine D'oliva DOP Biologico " e "Olio - Trappeto di Caprafico"

Eventi

Storia dei conti Orazio, Cesare e Pietro Maria Ubaldini di Cantiano.

A cura del Prof. Stefano Lancioni.

"Utilizzando i documenti dell'Archivio di Stato di Pesaro è possibile ricostruire con precisione diversi fatti di sangue avvenuti, intorno alla metà del '600, a Cantiano". L'incontro si concluderà con una degustazione di tipicità: visciole e amarene, Pane di Chieserna, prodotti da forno della tradizione gastronomica locale ed altre eccellenza del PANIERE DELLE TIPICITA' CANTIANESI.

Sabato 2 Maggio 2015 - ore: 17:00

Blog

Ciao!
1 aprile 2015
Ciao!
1 aprile 2015
 

11 oggetto(i)

 

 

11 oggetto(i)

 

11 oggetto(i)

 

 

11 oggetto(i)

è stato aggiunto al tuo carrello.
Usando il nostro sito, acconsenti all'uso dei cookies.
OK